Cosa succede nel mondo gemma

24 dicembre 2018

Zaffiro Rosa – Padparadscha

Lo Zaffiro Rosa deve il suo nome Padparadscha al sanscrito “padmaraga” (padma = loto; raga = colore) per il suo colore simile al fiore di loto. È una varietà di corindone e il suo colore tende a non essere uniforme ma varia tra tonalità giallo-rosa o arancio-salmone. Il rubino rosso e gli zaffiri blu sono altre varietà di corindone.

Il Padparadscha possiede un nome orientale poiché fu rinvenuto inizialmente nel continente asiatico, considerato raro si sostiene che i migliori provengano dallo Sri Lanka, ma si trovino anche in Madagascar ed in Tanzania. Gli zaffiri di Padparadscha del Madagascar vengono a volte trattati con il calore per intensificare la loro colorazione rosa e spesso hanno tagli asimmetrici. La chiarezza è importante perché con la loro leggera colorazione le inclusioni sono facilmente rilevabili. A volte è necessario sacrificare l’elevata chiarezza per ottenere una pietra dai colori brillanti. È difficile trovare un esemplare più pesante di due carati.

Diventata pietra da collezione molto rara, il Padparadscha viene venduto ad un prezzo vicino a quello di uno zaffiro blu e considerato tra le più costose al mondo.

Minerale: Corundum
Chimica: Al2O3
Colore: arancio, arancio-rosato, arancio-giallastro
Indice di rifrazione: 1.762 to 1.770
Peso specifico: 4.00

(Immagine, Padparadscha sapphire -By Wiener Edelstein Zentrum via Wikimedia Commons)

Cosa succede nel mondo gemma, Gemme, News
6 novembre 2018

Zaffiro Blu

Zaffiro è il termine che viene dato alla varietà blu/azzurra del corindone, la colorazione rossa della stessa famiglia viene chiamata rubino.

Il nome zaffiro deriva probabilmente dal termine greco σάπφειρος (sappheiros), ossia “azzurro”, oppure dall’ebraico ספיר (sappir), ossia “la cosa più bella”.

Oltre allo zaffiro blu e al rubino, la famiglia del corindone comprende anche i cosiddetti “zaffiri fancy”.
Le colorazioni presenti sono viola, verde, giallo, arancione, rosa.
Alcune pietre mostrano il fenomeno noto come cambiamento di colore, che può passare dal blu alla luce del giorno al viola sotto luce
incandescente. Gli zaffiri possono anche essere grigi, neri o marroni.
Lo zaffiro è considerata una delle tre maggiori pietre preziose colorate, le altre due sono il rubino e lo smeraldo. Durevole e dall’aura romantica è il portafortuna del mese di settembre.
Il colore blu ha un ruolo molto importante per il valore dello Zaffiro, i più apprezzati sono il blu vellutato e il blu violaceo nei toni medioscuri. Deve avere una saturazione forte ma che non oscuri il colore e ne comprometta la luminosità. Gli zaffiri che hanno queste qualità hanno il valore più alto sul mercato.
Il colore blu caratteristico dello Zaffiro è dato da inclusioni di ematite e rutilo. Esistono delle specie nelle quali l’inclusione si orienta in
modi particolari creando il fenomeno dell’asterismo che dà luogo a due o più linee luminose che si intersecano formando un sorta di
stella a sei raggi. Questo particolare effetto viene evidenziato da una taglio della gemma chiamata cabochon facendo in modo che il centro
della stella risulti nella sommità della pietra.
Le nazioni più ricche di miniere di zaffiri sono: Australia, Sri Lanka (gli zaffiri dell’isola di Ceylon un tempo erano tra i più rinomati),
Myanmar, Thailandia, Cambogia, Vietnam, Madagascar e India.

Minerale: Corundum
Chimica: Al2O3
Colore: Blu
Indice di rifrazione: 1.762 to 1.770
Birifrangenza: 0.008 to 0.010
Peso specifico: 4.00
Durezza Mohs: 9

(Immagine, Zaffiro Blu di Cesari & Rinaldi Gemmai – Foto di Veronica Roccoli)

Cosa succede nel mondo gemma, Gemme, Moda e costume, News
6 agosto 2018

“Analisi qualitativa e valutazione del Diamante, corso base” – Ottobre

Siamo lieti di proporvi la realizzazione del corso gemmologico di “Analisi qualitativa e valutazione del Diamante – Corso Base” che Assogemme organizzerà a Rimini in collaborazione con International Gemological Institute di Anversa (IGI), per la continuazione del progetto formativo rivolto a tutti gli operatori del settore orafo/gioielliero.

Il corso si terrà dal 01 al 05 ottobre 2018 – Iscrizioni aperte fino al 14 settembre

Attività di Laboratorio, Cosa succede nel mondo gemma, News
10 aprile 2018

Assogemme ed il Gruppo di Lavoro “Gemme e Metalli Preziosi” dell’ UNI – Ente Italiano di Normazione

Assogemme partecipa attivamente al Gruppo di Lavoro “Gemme e Metalli Preziosi” della Commissione “Commercio” dell’ UNI, Ente Italiano di Normazione, attraverso l’intervento d’un designato e qualificato rappresentante nella persona del Dott. Claudio Russo, che in collaborazione con incaricati d’altre associazioni e/o istituti del settore, stanno revisionando ed aggiornando alcune normative di interesse sulle pietre preziose.
In occasione del recente incontro di uno specifico Sottogruppo del 12/03/2018 si è discussa la revisione della norma tecnica UNI 10173 “Materiali gemmologici – Classificazione tipologica del taglio” , ispirandosi alle finalità della norma stessa: “rendere disponibile, a difesa di tutto il settore e dei consumatori, una nomenclatura corretta ed attuale – oltre che più consona alle presenti esigenze del mercato – da applicare in ambito commerciale”.
La revisione contemplerà sia la rimozione di termini obsoleti o non più utilizzati, come pure l’ inserimento di nuovi tipi di taglio divenuti d’uso comune, oltre che la rimodulazione dei prospetti e la ristrutturazione degli stessi in un’Appendice recante l’elencazione dei principali tagli dei materiali gemmologici classificati secondo criteri di forma e tipo di taglio.

Ciò, ai fini di maggior chiarezza e semplicità d’utilizzo a favore dell’utenza, intesa sia come operatori del settore nei vari passaggi della catena di fornitura, che come consumatori finali.

Ai prossimi appuntamenti si riprenderà in mano anche la norma UNI 9758:2003 “Diamante – Terminologia , classificazione, caratteristiche e metodi di prova”.

Attività di Laboratorio, Cosa succede nel mondo gemma, Gemme
13 febbraio 2018

Calendario dei prossimi corsi gemmologici 2018

Pubblicato il calendario dei prossimi corsi gemmologici in programma per l’anno 2018, che Assogemme realizzerà a Rimini in collaborazione con International Gemological Institute di Anversa (IGI), nell’ottica di completamento e continuazione del progetto formativo.

I corsi gemmologici proposti offrono ampie possibilità formative, grazie ad un vasto campionario di diamanti, pietre di colore e perle: per il professionista inoltre rappresentano un’ottima opportunità d’aggiornamento sulle innovazioni ed evoluzioni in campo gemmologico e permettono di rispondere in modo puntuale alle richieste del cliente.

Continue reading

Attività di Laboratorio, Cosa succede nel mondo gemma, News
16 ottobre 2017

Zaffiri Provenienti dall’Etiopia

Nel mese di febbraio 2017 a Bangkok, capitale delle pietre preziose, incominciarono a circolare voci sull’esistenza di un nuovo deposito di Zaffiri Blu nel Nord Etiopia. Da allora Dealers avventurosi, inconsci di quelle che potevano essere le condizioni del paese, sono corsi ad ispezionare la zona. Il deposito è stato individuato nella regione del Tigray,
precisamente nella città di Aksum (chiamata anche Axum)a circa 35km a sud del confinecon l’ Eritrea. Continue reading

Cosa succede nel mondo gemma, Gemme, News
16 ottobre 2017

Myanmar – Uno sguardo ad oriente

Dal 15 al 22 Novembre 2017, Assogemme prenderà parte ad una missione esplorativa in Myanmar in diretto collegamento con l’agenzia internazionale UNIDO ITPO (United Nations Industrial Development Organization)

Si tratta di un importante avvenimento che potrebbe concretizzarsi in progetti volti al trasferimento di investimenti in tecnologia e know how nel settore dei preziosi.

La missione nasce come seguito all’incontro svoltosi lo scorso mese di luglio a Rimini, durante il quale abbiamo avuto il piacere di accogliere imprenditori birmani appartenenti alla più nota associazione Myanmar Gems & Jewellery Entrepreneurs Association coinvolti nell’estrazione e lavorazione di materiali gemmiferi, quali giada e rubini presenti in elevate concentrazioni nel territorio.

È parso chiaro come il “sistema Italia” risulti essere di attrattiva per i Paesi in via di sviluppo e quindi anche per il Myanmar, sia per la capacità tecnica e manuale legata alla lavorazione dei materiali preziosi sia per la possibilità di creare partnership o collaborazioni capaci di accrescere le potenzialità del settore.

Per le aziende nostre associate potrebbe rivelarsi un’ottima piattaforma rispetto all’incontro tra domanda e offerta e al contempo la globalizzazione dei mercati ci impone di prendere in seria considerazione quelli che sono gli orientamenti e gli scenari economici appartenenti a territori esteri, affinchè siano maggiormente tutelati i futuri investimenti.

 

Attività di Laboratorio, Cosa succede nel mondo gemma, Gemme, News
  • 1
  • 2